Il primo “vero” guadagno: filosofia, Bootstrapping e… qualche considerazione

Bootstrapping, nel business, significa avviare attività imprenditoriali a costi ridottissimi, ma non solo: significa anche autofinanziamento. In parole povere, per fare bootstrapping bisogna imparare l’arte di arrangiarsi con i mezzi che si hanno a disposizione.

Viviamo in una società dall’impronta fortemente consumista dove, il più delle volte, quando abbiamo bisogno di qualcosa sappiamo che possiamo recarci presso il centro commerciale più vicino e comprarcela. Non si bada a spese e, col nostro stipendio di mille euro al mese pensiamo di poter comprare il mondo…🙂

Non esiste niente di più deleterio che quest’attitudine quando parliamo di bootstrapping. Le risorse finanziare che abbiamo a disposizione sono limitate e queste limitano di conseguenza il nostro potere di acquisto. Bisognerebbe partire dal presupposto che ogni bene o servizio che necessitiamo per il nostro business, “ce lo possiamo fare da soli” … e, solo in seconda analisi valutare le possibili alternative.

Certo che, nel caso di un internet business, sarebbe impensabile “costruire” un pc da zero. Ma siamo veramente sicuri che dobbiamo spenderci 1890 euro per un pc che monta l’ultimo modello di microprocessore a 16 nuclei della Intel e 256Gb di ram? Se l’attività principale del nostro internet business è scrivere in un blog, e vendere pubblicità, non basterebbe il vecchio Pentium IV che abbiamo dimenticato in soffitta?!? O magari riusciamo a trovarlo per 50 euro al mercatino dell’usato…. Cerchiamo di trovare soluzioni che siano in sintonia:

  • Con i numeri del nostro conto corrente
  • Con l’uso che ne dovremo fare

Questo ragionamento non fa una piega quando parliamo di spendere i nostri soldi per l’avviamento del nostro nuovo business ma non possiamo dimenticarci che, oltre ad essere imprenditori, siamo persone!

Certo, quando siamo a contatto con altre persone, l’immagine che diamo di noi stessi è importantissima! Ma siamo veramente sicuri che per trasmettere una buona immagine di noi stessi ci sia la necessità di sfoggiare abiti firmati dalla testa ai piedi? Disporre di un guardaroba che potrebbe fare invidia a Kate Moss e David Gandy? Personalmente preferisco vestirmi bene senza spendermi tutto il mio stipendio per un paio di jeans all’ultima moda .. e sono estremamente convinto che l’impressione e l’immagine che trasmetto alle persone con cui mi relaziono non cambiarebbe di una virgola. Lascio comunque ad ognuno le propie considerazioni.

Ciò che voglio trasmettere in questo articolo è l’importanza di ridurre le spese, senza dover per questo rinunciare a ciò che ci appassiona e che ci piace fare. Siamo persone e come tali compriamo e reagiamo per impulso, in preda alle emozioni: prima di fare acquisti avventati, soffermiamoci a pensare se quello è realmente il miglior affare che possiamo fare tenendo conto di tutto ciò di cui abbiamo bisogno, contiamo fino a 10 e, se la risposta è si, allora compriamo ..🙂
Risparmiare nella nostra vita significa avere a disposizione più risorse da poter utilizzare per far crescere e prosperare la nostra attività e che, se questa è basata sulle nostre passioni e su ciò che amiamo fare, col tempo ci darà sicuramente più soddisfazioni che qualsiasi abito firmato o alla moda, non credi?

Il primo guadagno è il risparmio” – Anonimo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...